Blog

Convengono davvero i PIR ?

Convengono davvero i PIR ?

Stai pensando di investire in PIR perché te l’ha proposto il consulente della tua Banca oppure perché ovunque ti giri sei circondato da pubblicità, articoli di giornale o riviste che non fanno che elogiare questo prodotto evidenziando l’incredibile successo che ha portato ad una raccolta di quasi 16 miliardi di euro nel 2017, grazie soprattutto ai benefici fiscali.

Se non sei convinto che sia la soluzione giusta per te, se ti poni delle domande e se vuoi approfondire l’argomento prima di fare la tua scelta, sei nell’articolo giusto.

Cercheremo di dare una panoramica completa di questo strumento per arrivare a rispondere alla domanda più importante : Convengono davvero i PIR ?

Premessa :

Secondo uno studio di Standard & Poor’s, in Italia solo il 38% dei risparmiatori ha un minimo di competenze finanziarie (dietro a paesi come lo Zimbabwe e la Tanzania).

In un contesto come quello italiano, quindi, dominato dalla scarsa cultura finanziaria e da un’aggressiva politica commerciale delle banche, un prodotto come il PIR corre il rischio di essere piazzato con troppa facilità anche a coloro che non ne comprendono le caratteristiche.

Per questo motivo, l’impressionante raccolta fatta finora dai PIR, NON È e NON DEVE ESSERE sinonimo di convenienza per i risparmiatori.

Ma partiamo con ordine.

Cosa sono i PIR?

I PIR (Piani Individuali di Risparmio)  sono degli strumenti di investimento nati con la legge di stabilità del 2017 che hanno una duplice funzione:

  •  veicolare parte del risparmio privato verso le piccole e medie imprese italiane o estere ma aventi attività prevalenti in Italia;
  •  fornire ai risparmiatori nuove opportunità di investimento e soprattutto alle banche un prodotto nuovo e facile da vendere grazie a particolari benefici fiscali.

Come funzionano i PIR ?

L’investitore che desidera sottoscrivere un piano di risparmio, dovrà :

  •   impegnarsi per almeno 5 anni a portare avanti questo strumento;
  •   per ogni anno solare, versare un importo  che va da un minimo di € 500 ad un massimo di € 30.000 e complessivamente (in 5 anni) non superiore a € 150.000.

 

Dove investono i PIR ?

Come detto, i PIR nascono con l’obiettivo di investire i soldi dei risparmiatori nelle piccole e medie imprese italiane.

Per questo motivo, almeno il 70% del patrimonio complessivo è investito in azioni/obbligazioni italiane (o estere con stabile organizzazione in Italia) e di questi 70%, almeno il 30% (ovvero il 21% del totale) è investito in strumenti finanziari di aziende medio-piccole.

Stando all'analisi di Intermonte, solo 7 fondi su 38 hanno investito oltre il 70% del portafoglio nel segmento piccola e media capitalizzazione.

Ciò vuol dire che solo una piccola parte delle risorse raccolte finora dai PIR sul mercato finisce alle piccole e medie imprese.

La fetta più grande è andata a finanziare le grandi imprese e le multinazionali italiane, comprese le banche che rappresentano il 35% della capitalizzazione della Borsa italiana.

Quali vantaggi fiscali offrono i PIR ?

Il principale driver di raccolta dei PIR è senza dubbio il beneficio fiscale che consiste nell’esenzione completa della tassazione dei redditi.

I risparmiatori, quindi, non pagano l’aliquota del 26% a patto che partecipino al PIR per un minimo di 5 anni.

Si può ovviamente disinvestire prima, ma in questo caso si dovrà rimborsare tutta la tassazione non pagata fino a quel momento, incrementata degli interessi.

Infine, le agevolazioni fiscali sono limitate alle persone fisiche e ciascun investitore non può avere più di un piano di risparmio.

Quali sono i rischi dei PIR ?

Come abbiamo visto, sui PIR si possono investire €. 30.000 all’anno per 5 anni, per un totale massimo di €. 150.000.

Ovviamente quest’ultimo importo non è uguale per tutti: se per esempio, un risparmiatore ha un patrimonio di €. 200.000, investirne 150 in un unico strumento non è saggio.

Anche perché i PIR sono un concentrato di made in Italy, quindi è meglio non esagerare con il peso di questi prodotti per non compromettere la diversificazione di portafoglio.

Infine, prima di sottoscrivere un PIR è importante capire bene anche il grado di rischio che si è capaci di sopportare per l'intera durata dell'investimento perché il mercato azionario è un asset attivo, soggetto a continui cambiamenti. Significa che in 5 anni può offrire buoni guadagni ma anche notevoli perdite. Quindi, il risparmiatore deve essere propenso a supportare queste eventuali perdite dovute all'alta volatilità del mercato.

Quanto costano i PIR ?

Arriviamo alla domanda più importanti per capire se convengono davvero i PIR ?  

Secondo i dati raccolti da Morningstar e Assogestioni su circa 60 prodotti analizzati, emerge che:

  • Costi di ingresso = da 0% a 5,5% (media aritmetica 2.5%)
  • Costi di gestione e spese ricorrenti = da 0,4% a 2,79% (media aritmetica 1.6%)
  • Commissioni di overperformance (presenti sul 75% dei prodotti analizzati), che spesso annullano il rendimento dell'investimento.

Quando non ci sono costi di ingresso, di solito, i costi di gestione sono molto più alti (per esempio alcune banche non fanno pagare costi di ingresso ma applicano delle commissioni di gestione che possono arrivare anche al 6%).

Sommando tutti i costi, il rischio è che la cifra da pagare sia troppo elevata.

Secondo uno studio di AdviseOnly, se, per esempio, il PIR realizzasse una performance del 5% e la sua commissione di gestione arrivasse al 2.3%, il beneficio fiscale del PIR verrebbe annullato.

Attenzione dunque, prima di sottoscrivere il PIR, leggere attentamente le avvertenze (vedi l'articolo: Cosa ho veramente sottoscritto?)

Conclusioni

Tornando alla domanda Convengono davvero i PIR ? la risposta è: quasi MAI.

Il motivo principale è dato dai costi, nella maggior parte dei PIR il guadagno che l’investitore ottiene grazie all’esenzione fiscale viene soppresso dalle banche con costi più alti.

Inoltre, se per qualche motivo, disinvesti prima dei 5 anni, non solo avrai subito i costi alti ma dovrai restituire tutta la tassazione non pagata.

Concludendo, non possiamo certo affermare che la parte che ottiene più vantaggi dai PIR sia il risparmiatore, sicuramente rimane un ottimo strumento di vendita per le banche e le SGR visto le importanti commissioni.

I PIR potrebbero essere una buona soluzione anche per l’investitore se le commissioni non vanificassero i benefici fiscali, altrimenti rimane uno strumento eccezionale solo per chi lo vende.

Per essere certo di fare la scelta giusta, affidati ad un consulente indipendente, l’unico che può garantirti risposte chiare, analizzando i reali rischi, costi e rendimenti di ogni strumento finanziario senza essere condizionato da budget di vendita o interessi di varia natura.

Affidarsi alla consulenza indipendente è una scelta intelligente che ti tutela dall’aggressiva politica commerciale delle banche e dalle notizie fuorvianti che possono danneggiare i tuoi interessi.




Nome
Email
Messaggio
Invia Commento
Do il consenso
Nego il consenso

Informativa sulla Privacy Ai sensi del Regolamento UE 2016/679

Ai sensi del Regolamento UE 2016/679 denominato “Regolamento Europeo in materia di protezione dei dati personali” (GDPR) informiamo gli utenti che i dati personali immessi nel sito sono trattati con le modalità e le finalità descritte di seguito. 

Per trattamento di dati personali ai sensi della norma, si intende qualunque operazione o complesso di operazioni, svolti con o senza l'ausilio di mezzi elettronici o comunque automatizzati, concernenti la raccolta, la registrazione, l'organizzazione, la conservazione, l'elaborazione, la modificazione, la selezione, l'estrazione, il raffronto, l'utilizzo, l'interconnessione, il blocco, la comunicazione, la diffusione, la cancellazione e la distribuzione di dati. 

In osservanza delle prescrizioni previste dal nuovo Regolamento in materia di protezione dei dati personali, si comunica quanto segue:

 

1. Titolare del trattamento 


Titolare del trattamento dei dati è Marco Boschetti  con sede in 47923 Rimini (RN) Viale R. Valturio 38, che li utilizzerà per le finalità indicate di seguito. Per ulteriori informazioni potete contattarci al seguente indirizzo mail: info@familyofficerimini.com

2. Oggetto del trattamento


I dati personali ed anagrafici (nome, cognome, indirizzo email) da noi raccolti vengono forniti dall'utente in fase di registrazione al sito web www.familyofficerimini.com, all'invio di una richiesta di contatto e/o all'atto di iscrizione al servizio di newsletter. 

3. Finalità del trattamento


I dati personali sono trattati per finalità connesse o strumentali all'attività del concessionario Marco Boschetti quali l'archiviazione nei propri database o lo svolgimento di attività di direct mail marketing. In particolare: 

A. Senza il consenso espresso dell'interessati per:

  • La richiesta di registrazione al sito web;
  • La ricezione di un messaggio inviato tramite il form “Contattaci”. Al momento della compilazione del form vengono richiesti i dati personali (nome e indirizzo di posta elettronica) con i quali successivamente l'utente sarà identificato al fine di inviare una risposta all'indirizzo email indicato.

B. Con il consenso espresso dall'interessato per l'iscrizione al servizio di newsletter fornito dal Titolare. 

 

4. Modalità del trattamento


I dati personali sono oggetto di trattamento improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza. La società assicura che il trattamento dei dati effettuato con o senza l'ausilio di mezzi elettronici o comunque automatizzati, avverrà mediante strumenti idonei a garantirne la sicurezza e la riservatezza dell'interessato, tramite l'utilizzo di idonee procedure che evitino il rischio di perdita, accesso non autorizzato, uso illecito e diffusione, nel rispetto dei limiti e delle condizioni posti dal Regolamento UE 2016/679.

I dati personali sono sottoposti a trattamento sia cartaceo che elettronico e/o automatizzato.

I dati vengono trattati da nostro personale, ove impegnato nella esecuzione del mandato conferitoci.

 

5. Accesso ai dati


I soggetti che possono venire a conoscenza dei dati personali dell'utente in qualità di responsabili o incaricati (in base all'Articolo 13 Comma 1 del GDPR) sono: 

  • Il Titolare del trattamento
  • Il personale del Titolare del trattamento, per l'espletamento delle richieste dell'utente (registrazione al sito web, iscrizione alla newsletter, risposta ad una richiesta di informazioni)

I dati personali non saranno oggetto di diffusione a terzi. 

 

6. Comunicazione dei dati


I dati potranno essere comunicati a Organismi di vigilanza, Autorità giudiziarie ed altri soggetti terzi ai quali la comunicazione sia obbligatoria in forza di legge, ivi incluso l'ambito di prevenzione/repressione di qualsiasi attività illecita connessa all'accesso al sito e/o all'invio di una richiesta. 

 

7. Trasferimento dei dati


La gestione e la conservazione dei dati personali avverrà su server ubicati in Italia del Titolare e/o di società terze e nominate quali Responsabili del trattamento. 
I dati non saranno oggetto di trasferimento al di fuori dell'Unione Europea. 

 

8. Periodo di conservazione dei dati


I dati personali degli utenti del sito che inviano una richiesta di informazioni tramite il modulo di contatto, saranno conservati per i tempi strettamente necessari all'espletamento della richiesta, per le finalità illustrate nel punto 3.  

I dati raccolti per le attività di registrazione al sito web e iscrizione al servizio di newsletter, saranno inseriti nel database aziendale e conservati per il tempo della durata del servizio, al termine del quale saranno cancellati o resi anonimi entro i tempi stabiliti dalla norma di legge. 

Qualora intervenga la revoca del consenso al trattamento specifico da parte dell'interessato, i dati verranno cancellati o resi anonimi entro 72 ore dalla ricezione della revoca. 

Ai sensi dell'Art. 13, comma 2, lettera (f) del Regolamento, si informa che tutti i dati raccolti non saranno comunque oggetto di alcun processo decisionale automatizzato, compresa la profilazione. 

 

9. Diritti dell'interessato


Gli utenti possono sempre esercitare i diritti esplicitati negli articoli 13 (Comma 2), 15, 18, 19 e 21 del GDPR, qui riassunti nei seguenti punti: 

  • L'interessato ha il diritto di ottenere la conferma dell'esistenza di dati che lo riguardano, anche se non ancora comunicati, e di avere la loro comunicazione in forma intelligibile;
  • L'interessato ha il diritto di chiedere al Titolare del trattamento l'accesso ai dati personali, l'integrazione, la rettifica, la cancellazione degli stessi o la limitazione dei trattamenti che lo riguardano o di opporsi al loro trattamento, oltre al diritto alla portabilità dei dati;
  • Ha il diritto di proporre un reclamo al Garante per la protezione dei dati personali, seguendo le procedure e le indicazioni pubblicate sul sito web ufficiale dell'Autorità su www.garanteprivacy.it;


L'esercizio dei diritti non è soggetto ad alcun vincolo di forma ed è gratuito.

A partire dal ricevimento della presente comunicazione informativa, si intenderà rilasciato il consenso al trattamento dei dati personali di cui ai punti sopra.

 

10. Modalità di esercizio dei diritti


Gli utenti possono esercitare i propri diritti in qualsiasi momento, inviando una mail all'indirizzo info@familyofficerimini.com

Oppure scrivendo a mezzo di posta a: 
Marco Boschetti con sede in 47923 Rimini (RN) Viale R. Valturio 38_

Copyrights © 2018 All Rights Reserved by LT.
info@familyofficerimini.it · 39 3281193691